SUBITOMONDO

Storie dal mondo a portata di click

PERDERSI LUNGO LE TUE NOTE

PERDERSI LUNGO LE TUE NOTE

Pubblicato da il
 3' di lettura

 Un assecondarsi di note, un profumo, una voce... mi domandi... di cosa stai parlando... ?!?

 Alzo le spalle e con un sorriso esclamo: elementi che scatenano l’attrazione verso un posto familiare, più comune dire ritornare ad un emozione.

 Mi allontano, scrivo.

Leggere cattura l’essenza di ciò che è stato tolto scrivendo.

 

 Per questo nuovo appuntamento ho deciso di intraprendere un viaggio oltreoceano, oggi si vola in Perù!

 Molto spesso durante le mie giornate, appena ho due minuti per fermarmi, penso a quanto realmente io stia correndo. Alzo la testa e in molti corrono anche più veloci di me. Quest’ansia serve a portarci dove??!??

 Beh, se ti posso dare un consiglio, molla tutto (compresa l’ansia!) e vola in Perù. In Perù bisogna atterrare svuotati, a meno che tu non abbia voglia di pagare il supplemento bagaglio per il viaggio di ritorno a casa.

 La popolazione peruviana è multietnica; comprende amerindi, europei, africani e asiatici. Qui si parla per lo più la lingua spagnola, mentre un altro importante numero di peruviani parla altre lingue native. Questo insieme di tradizioni ha portato a una grande varietà culturale, come nell'arte, nella letteratura, nella musica e nella cucina.

 Sorseggio un goccio di Pisco (un buon distillato tipico sudamericano), respiro, sento questa terra, apro le orecchie e mi metto ad ascoltarti. Perù.

 

 In antichità  la musica in Perù era molto legata alla danza e alla religione. Maschere e balli  erano sacre espressioni  ed erano sempre presenti durante le celebrazioni. Tra i generi musicali più importanti troviamo lo stile Huayno, una danza folcloristica Andina (ovvero una vasta gamma di generi musicali originari della penisola Andina coincidente con l’area dominata dagli Inca prima della conquista Spagnola) che comprende l’ultilizzo di vari strumenti musicali tra i quali: la quena (flauto), il charango (una piccola chitarra), la zampogna, il mandolino e la bandurria, l'arpa e il violino.

 Sarebbe fico rappare sopra questi arrangiamenti, a breve farò questo esperimento. Ma lo strumento che caratterizza la cultura musicale peruviana è senza ombra di dubbio il Flauto, o meglio il Flauto di Pan; uno strumento  costituito da più canne, il cui numero può variare, di lunghezza diversa e legate o unite tra loro.

 Per ottenere il suono si soffia trasversalmente sulle aperture superiori delle canne.  Adesso però focalizziamoci su uno dei punti più importanti riguardanti la storia musicale peruviana, ovvero la conquista Spagnola dell’impero inca.

 

 Oltre ad avere un forte impatto sull’evoluzione della musica Andina, l’influenza di questa conquista, ha inciso pesantemente sull’evoluzione musicale peruviana e ha consentito la nascita di molti altri generi musicali tra cui il rock,  ma soprattutto l’hip-hop.
 

 Il Perù non fa parte dei paesi più ricchi del mondo e si trova in una situazione di instabilità politica, questa realtà ha un forte impatto sulla popolazione che sfoga le sue necessità e le sue sofferenze soprattutto attraverso la musica, la musica del popolo , la musica di strada.

 L’hip hop è un fenomeno culturale che è venuto in Perù a metà degli anni '80, in cui il tema principale era la breakdance. Il rap è iniziato a metà degli anni '80, come un modo per rivendicare i diritti e le libertà delle persone per la strada.

 Un'espressione tra politica e arte che ha avuto anche la sua espressione nei graffiti che hanno iniziato a diffondersi in alcune città in quel momento. Era necessario reclamare lo spazio pubblico della gente in tempi di repressione e mancanza di diritti. Era proprio per la strada, avvolto in breakdance e graffiti, dove nacque Golpeando la Calle , il primo gruppo rap peruviano.

 Nel corso degli anni, questo gruppo ha portato la bandiera dell'hip-hop, compresi i breakdancers nei loro spettacoli e promuovendo la pratica dei graffiti. Sebbene a quel tempo il rap fosse di moda e venisse in Perù nella sua forma più pop, questo ha aiutato i cantanti rock e pop a decidere di creare le proprie canzoni.

 Fu così che Arena Hash con El Kangrejo (Shake) e Naysha e il suo tema Witchcraft (1991) sarebbero diventati le prime canzoni rap nazionali a suonare alla radio.

 

 

 


Ti potrebbero anche interessare