SUBITOMONDO

Storie dal mondo a portata di click

IL MISTERO HIPPIE DI IBIZA

IL MISTERO HIPPIE DI IBIZA

Pubblicato da il
 3' di lettura

 Tra i mille motivi per cui Ibiza va visitata ce n'è uno meno risaputo e un pò più mistico. In pochi quando decidono di fare una vacanza a Ibiza, decidono di documentarsi sulla storia di Ibiza, che è in realtà molto affascinante. 

 Ibiza divenne dalla fine degli anni '70 prima passaggio e poi colonia hippie, infatti in quegli anni, in un'isola quasi vuota (gli ibizenchi sono veramente pochi) sono arrivati qui e tanti non se ne sono più andati, ed è proprio grazie a questa presenza che negli anni si è creato nell'immaginario collettivo l'idea di Ibiza come  isola dell'amore e dell'essere ribelle.

 

 Solamente dopo, negli anni '80, sono arrivati gli investitori che hanno costruito i grandi club che hanno fatto la storia che sappiamo, come lo storico Space, chiuso nel 2016 dopo 27 anni di attività, "morto" per l'appunto a 27 anni come le grandi star degli anni '70.

 Oggi la comunità è un monumento vivente, quando qualcuno di loro passa per le vie del centro o per Playa d'en Bossa è una pioggia di saluti e baci da parte di tutto il pubblico.

 Diversi sono i luoghi dove è possibile respirare l'aria peace & love di Ibiza: ad esempio nella spiaggia di Cala Benirras, che a parte 2 beach bar è una delle spiagge rimaste abbastanza al naturale, tutte le domeniche dal calar del sole al tramonto, i musicisti di strada dell'isola si riuniscono ed accompagnano il sole con tamburi e suoni tribali, è una tradizione che si porta avanti dagli anni '70, si rende omaggio a questa Cala dove si racconta, avvenivano le feste più belle.

 Anche nei mercatini dell'artigianato si respira la stessa aria, il più bello secondo me è quello di Las Dalias: sebbene bisogna sempre ben selezionare le bancarelle, perché ormai la globalizzazione ci permette di trovare tutto dappertutto, qui ci sono delle sarte che realizzano ancora vestiti originali fatti a mano, una buona occasione per fare dello shopping etnico.

 

 Nel 2016 è stata inaugurata sulla passeggiata del porto d'Eivissa il "Monumentos a los hippie" una scultura di bronzo che riproduce una famosa immagine scattata dal fotografo Tony Riera nel 1973, l'opera è stata finanziata dal fondatore del Pacha, il club delle ciliegie: Ricardo Urgell.

monumentosaloshippies

 Ed è proprio il Pacha la più antica discoteca dell'isola (1973) ad organizzare il party che celebra la cultura hippie di Ibiza, il Flower Power. Un'esplosione di colori e musica con performance rigorosamente ispirate agli anni '70: coroncine di fiori, vestiti con le frange, stivali camperos e tutto ciò che può contribuire a farci fare quel salto nel tempo che tanto vorremmo vivere. Qui non troverete le ultime hit house o reggeaton da ballare, bensì i successi dei Bee Gees, Village People, The Beatles, Elton Jhon, Rooling Stones e chi più ne ha, più ne metta.

 Tutti lunedì, la notte in cui si tiene il Flower Power Party, il pomeriggio sulle spiagge più frequentate e la sera nelle vie della bellissima Dalt Vila, l'antica fortezza di Ibiza (Patrimonio dell'UNESCO), assisterete alla sfilata che promuove la serata, per tanto è vivamente consigliato di cenare in uno dei buonissimi ristoranti della fortezza per non perdere questo spettacolo.

 

 La prima data prevista per la stagione 2018 sarà lunedì 28 maggio, e poi ogni lunedì fino a fine settembre, avete già prenotato?

 

 


Ti potrebbero anche interessare