SUBITOMONDO

Storie dal mondo a portata di click

STRASBURGO, DI GENERAZIONE IN GENERAZIONE

STRASBURGO, DI GENERAZIONE IN GENERAZIONE

Pubblicato da il
 4' di lettura

 Nella città dove si trova la statua di Gutenberg, esiste qualcuno che scrive e stampa ogni giorno pagine di storia del circo contemporaneo: la scuola si chiama Generation Cirque e nasce l’11 Settembre 2002.

 Situata a Strasburgo, conosciuta anche come la città dei mercatini di Natale, è stata fondata da Sabrina Martino, la quale inizia a studiare circo tra gli 11 e i 13 anni, grazie ad un Professore di educazione fisica, il quale proponeva dei corsi di iniziazione al circo per bambini.

 Sabrina, che durante l’adolescenza soffriva di crisi di panico, ritrovò nel circo un tempio di benessere e salvezza. Per questo motivo, quando entrò al liceo a 15 anni decise di aiutare Dominique, la nuova Professoressa di educazione fisica, facendole da assistente durante i corsi extrascolastici di circo presso le scuole medie.

 Dopo la laurea in Scienze della formazione  Sabrina decise di aprire un’associazione per organizzare dei corsi di circo al liceo, poiché tutti gli allievi che avevano avuto modo di assaporare quest’arte durante il periodo delle scuole medie, erano costretti ad interromperla dopo il passaggio alle scuole superiori, dal momento che non esistevano dei corsi per ragazzi più grandi.

 La Petite France, ovvero il centro di Strasburgo è un luogo incantato. Un posto dove i colori pastello si mescolano e diventano fiabeschi su uno scenario medievale, decorati da cigni che nuotano lungo canali.
 Il Pain d’épices, ovvero il tipico pane speziato dell’Alsazia, è ciò che più di tutto volevo gustare, soprattutto nella forma dell’omino pan di zenzero di Shrek. Ho girato tra le varie bottegucce per trovarne uno che gli somigliasse il più possibile, perché volevo proprio quello! Finché non ho trovato di fronte a me, imponente e maestosa la Cattedrale di Notre Dame, gotica ma con interni sontuosi e con un orologio astronomico che dal 1572 suona ogni giorno alle 12:30 innescando un meccanismo fatto di statuette cristiane e un gallo che canta 3 volte.

 Gymnase d’Achenheim è stato il luogo scelto nel 2008 a Strasburgo per la nascita di questo progetto, nonché luogo di sviluppo e di creazione dell’associazione. Oggi Generation Cirque conta 200 allievi, più 1200 allievi stagisti ogni anno. I corsi cominciano per i più piccolini a partire dai 5 anni e mezzo, fino ad arrivare ai 17 anni dei più grandi. Ma Generation Cirque è anche una scuola professionale e preparatoria alle grandi scuole di circo che formano artisti in tutto il mondo.

 La compagnia, che conta 16 elementi, è composta infatti da ragazzi che si sono formati presso la scuola di Sabrina negli anni e che hanno dai 14 ai 36 anni. Il costo dei corsi è accessibile a tutti e quasi inesistente per i ragazzi della compagnia, nonché dei corsi professionali che barattano la loro formazione occupandosi dei corsi di circo per i più piccoli come la tradizione circense richiede: un passaggio di informazione da generazione in generazione!
 Da questo concetto chiave nasce il nome “Generation”, con l’obiettivo di mischiare le generazioni affinché i più grandi e veterani possano tramandare le regole e la disciplina ai più piccoli e giovani, i quali apprendono, guardando con gli occhi dell’ambizione e la voglia di raggiungere un grande obiettivo.

 Obiettivi, ciò che per cui affronti la vita con tanta forza e coraggio!

 Il 2017 è l’anno in cui Sylvain Wolff vince con il suo numero di roue cyr il Young Circus Festival  diretto e ideato da Massimo Albano, direttore inoltre della scuola di circo Atelier Saltim’banco a Roma.

 Nel 2018, sempre al Young Circus Festival, vincono la medaglia d’argento Lola Weill, Sophie Wolff, Clara Jung e Jessica Artero con un numero collettivo di acrobatica e il terzo posto con la medaglia di bronzo a Lola Weill per il suo solo di tessuti aerei. In questo stesso anno, inoltre, sempre tre allievi della scuola professionale, Elliot Raclot, Justine Deller e Lola Weill, sono stati anche accettati al Summer Camp 2018 presso l’Ecole Nationale de Cirque di Montreal (Canada), dove hanno approfondito i loro studi nella disciplina di competenza.

 Dopo essersi diplomata lei stessa presso la scuola di circo di Montreal come professore di discipline circensi, il progetto più grande per Sabrina, rimane quello di realizzare la propria scuola di circo all’interno di una struttura costruita da zero e predisposta per lezioni di circo; insomma un tendone ma fatto di mura! Il tutto coronato dal suo grande desiderio di incontrare qualcuno disposto a collaborare per continuare a costruire e a portare avanti, facendolo crescere, il suo progetto.

 Di tutto questo, sono venuta a conoscenza in uno dei miei viaggi a Strasburgo per motivi lavorativi. Da circa un anno infatti mi occupo di stage di formazione nell’abito delle discipline aeree, in particolar modo il tessuto, per le sue allieve del corso professionale.

 Ho seguito Lola nella sua preparazione per il Young Circus Festival, anche se ovviamente a causa della distanza che ci separa, non ho potuto essere presente ogni singolo giorno, ma mi ritengo soddisfatta di come in poco tempo io sia riuscita a passarle le mie conoscenze e di come lei abbia appreso rapidamente!

 Come sempre… Qual momento migliore per conoscere meglio la vita di una persona, se non a tavola, davanti ad un bel piatto tipico alsaziano!

Appuntamento da non perdere: Aprile 2019, la compagnia di Generation Cirque, andrà in scena con il suo nuovo spettacolo, al quale stanno già lavorando da un anno, presso il Gymnase d’Achenheim, che vedrà una platea con 2000 spettatori pronti ad applaudire il sudore di questi giovani ma talentuosi artisti!

 


Ti potrebbero anche interessare